PURIM פּוּרִים  (Purìm)

PURIM פּוּרִים (Purìm)

27 Febbraio 2021 Off Di Hora Aboav

PURIM פּוּרִים  (Purìm) SORTI! Questa festa prende il nome dalla parola SORTE פּוּר (Pur) e ricorre nel mese di Adar, data scelta per SORTE da Hamàn, il persecutore del popolo ebraico nella DIASPORA גָלוּת  (Galùt ג ל ה) persiana. Essa viene festeggiata all’insegna della gioia più MANIFESTA גְלוּיָה  

( Gheluyàh) in ricordo della salvezza degli ebrei.

לַיְּהוּדִ֕ים הָֽיְתָ֥ה אוֹרָ֖ה וְשִׂמְחָ֑ה וְשָׂשֹׂ֖ן וִיקָֽר׃

(Layehudìm hayetàh oràh vesimchàh; vesassòn vikàr: Meghillàt Estèr 8,16)

Per gli ebrei fu LUCE, GIOIA, ALLEGRIA E ONORE.

A Purìm si legge il libro di Ester che è una מְגִלָּה  (Meghillàh) ROTOLO, SCRITTO  la cui radice è (Ghìmel-Làmed-He’) ג ל ה che si esprime nel tema della RIVELAZIONE.

Il miSTeRo invece abita nella radice ס ת ר  (Sàmech-Tav-Resh) che è di scena nel nome della regina ESTER אֶסְתֵּר. Il tema di questa radice è il NASCONDIMENTO….

וְאָנֹכִ֗י הַסְתֵּ֨ר אַסְתִּ֤יר פָּנַי֙ בַּיֹּ֣וֹם הַה֔וּא….

(Veanochì haster astìr panài bayòm hahù… Deuteronomio 31,18) “E Io nasconderò il Mio volto in quel giorno….” Il Signore nasconde “la Sua Faccia”, il Suo Nome , quando vuole punire il suo popolo “dalla dura cervice”; anche se la sua Provvidenza rimane sempre presente e vigile.
Nel libro di Ester non compare il nome di Hashèm ma la SUA PRESENZA è riconoscibile.
Avviene proprio un gioco di significanti nella denominazione מְגִלַּת אֶסְתֵּר : LA RIVELAZIONE DEL NASCONDIMENTO!! Fino a quando “la regina אֶסְתֵּר” si nasconde נִסְתֶּרֶת  (Nisteret)? Il vero nome di questa donna, relegata al silenzio e alla perdita repentina della sua זְהוּת  IDENTITA’ (Zehut) è (Hadassà) הֲדַסָּה dal termine (Hadas) הֲדַס  MIRTO. Una delle quattro specie del לוּלָב  (Il Lulav si benedice a Succot: cedro, palma, mirto, salice). In pochi versi del capitolo 4 possiamo assistere ad una grande trasformazione: dal ruolo di regina sottomessa, senza patria a quello di salvatrice del suo popolo. L’angoscia si tramuta in coraggio e presa di coscienza di sé e del proprio popolo. Finalmente אֶסְתֵּר  fa sentire il suo “aroma”!! Diventa consapevole e responsabile della sua “missione”: si presenta  al re a rischio della sua vita. Questa è la forza della preghiera e del digiuno.
È richiesto tanto coraggio per uscire, da uno spazio di “confort”, all’atto eroico di riconoscerci e comprendere la nostra “missione “nella vita! Un utile suggerimento che ci aiuta a svelare ciò che è nascosto dentro di noi. A Purim però ciò che è richiesto prima di tutto e a voce alta è nascondere qualsiasi incertezza e GIOIRE לִשֹמֹחַ  (Lismòach) con tutto il cuore!